News‎ > ‎

3DF - Campionato: Free srl Uboldo - Pallavolo Saronno 3-1 (25-18 21-25 25-12 25-15)

pubblicato 8 dic 2014, 01:49 da Video NewVolleUboldo   [ aggiornato in data 13 dic 2014, 05:40 ]

- Uboldo, 5 dicembre 2014 –

Stessa divisa ma diverso potenziale: la Free Uboldo ha voglia di vincere contro le cugine saronnesi … e vince. È uno spettacolo per il numeroso pubblico guardare queste grintose uboldesi che tentano in tutti i modi di rimandare la palla al di là della rete cercando di non farla rimbalzare nella propria metà campo: un’impresa che ha dato i suoi frutti e che fa tornare a casa tutto il team decisamente soddisfatto. Ad aiutare la Free sono accorse anche Testi, Borghi e Pandolfo dall’under 16, il cui affiatamento con le “compagne per una partita” è stato percepibile anche dagli spalti.

 Primo set. La partita ha inizio con un fantastico libero Locatelli che non dà modo alla Pallavolo Saronno di mantenere il leggero vantaggio creatosi nei primi punti. È necessario qualche punto per far scaldare a dovere le uboldesi, che dopo un pareggio al punto 10, complici delle brutte ricezioni avversarie, cominciano la cavalcata verso la conquista del set. L’alzatrice Morandi si accorge di una Villa molto in forma e sfrutta la sua presenza in campo; se gli attacchi non riescono entra in gioco la difesa: Borghi costruisce un solido muro tra le avversarie e le sue compagne, che coprono tutto il campo senza risparmiare un solo centimetro. Morandi mostra notevole intesa anche con il centrale Borghi che sferra una serie di attacchi rapidissimi che non danno alle avversarie neanche il tempo di reagire. Lasciamo le avversarie sotto al 20° punto e vinciamo il set 25-18.

Secondo set. Si apre discretamente anche questo set, costellato da attacchi frequenti da parte della nostra agguerrita prima linea. Peccato che ben presto i muscoli e la concentrazione delle nostre giocatrici si raffreddano inspiegabilmente e le saronnesi sfruttano i nostri brutti errori per prendere nette distanze dal nostro punteggio. Il tabellone segna 14-21 e la Free sembra essere nel bel mezzo della “fase rem” del sonno. L’allenatore Brignani sceglie di far entrare Scuderi come centrale, ma nel campo regna un nervosismo tale che costa un cartellino giallo a Morandi, subito dopo sostituita da Testi. Le avversarie, ormai sulla soglia del traguardo, ci fanno recuperare parecchi punti, ma la Free non riesce ad andare oltre al 21°.

Terzo set. La Free ricomincia a sganciare bombe, che poche volte la Pallavolo Saronno riesce a disinnescare. Ben presto, grazie anche a una serie di alzate avversarie fischiate come doppie, prendiamo il largo, a tratti distaccando le saronnesi  anche di 10 punti. Testi è sempre pronta a recuperare le nostre palle che vanno a rete rimettendole in gioco, Garribba attacca e difende, il capitano Brignani non si tira indietro e mette a segno la palla del 20° punto, Borghi ha cartucce infinite e il suo braccio è sempre carico per attaccare. Ma è grazie a un invasione avversaria che vinciamo anche il terzo set con un netto 25-12.

Quarto set. In campo c’è un bis di Borghi che si fa sentire, tra le due la centrale intuisce la debolezza sotto rete avversaria ed è proprio lì che sferra i suoi attacchi; le saronnesi sono attaccate da tutti i fronti: Villa ricomincia a farsi sentire in campo, le palle di Garribba, atterrate sul suolo avversario con grande potenza, hanno un rimbalzo che sfiora addirittura il pubblico. Con Testi al servizio ci avviamo senza interruzioni verso il match point, frenato solo da un punto avversario. Grazie a Borghi, che per caso si ritrova una palla fra le mani, conquistiamo il quarto set 25-15 e la partita 3-1.

L’allenatore Brignani da bordo campo non frena l’entusiasmo per le sue ragazze che questo sabato sera gli hanno regalato una bella e meritata vittoria. La Free Uboldo sale quindi in terza posizione nella classifica del campionato, ancora tutto da giocare ma che nelle ultime due partite sta mettendo in evidenza la bravura delle nostre giocatrici. Abbiamo le basi per puntare in alto: sfruttiamole e continuiamo così.

Testi - Garribba - Locatelli

DR