News‎ > ‎

2DF Campionato: SS. Bizzozzero V.R. Grigia - Free Bigiotteria 3-1 (18-25, 25-18, 25-20, 25-21)

pubblicato 5 dic 2015, 00:02 da Video NewVolleUboldo   [ aggiornato in data 5 dic 2015, 00:04 ]

- Bizzozzero (Varese), 3 dicembre 2015 –

Forse la Free Bigiotteria è partita da casa già convinta di una vittoria, forse il nervosismo per una giornata cominciata male è sfociato nelle ore serali, forse la nebbia della Val Padana si è attaccata alle giocatrici uboldesi che non sono riuscite a chiuderla fuori dalle porte della palestra, forse…forse… Ma il risultato non cambia: la partita, cominciata molto bene per le uboldesi, dal secondo set ha deciso di volgere loro le spalle per tendere invece una mano alle atlete della Rosa Grigia di Bizzozzero, che col sorriso sono riuscite a vincere tre set di fila. La ripresa e la combattività finali tipiche delle uboldesi non si sono verificate nel campo di gioco varesino e il seguito della società New Volley ha presto dovuto arrendersi alle sorti della serata.

Primo set. Un’incomprensione nel campo della Rosa Grigia smuove subito il punteggio delle ospiti, che con gli attacchi di Brignani e di Pandolfo comincia a prendere le distanze. Che la Free faccia attacchi, muri o pallonetti le avversarie sembrano andare facilmente in difficoltà sotto rete e questa debolezza viene sfruttata immediatamente. Tutte le giocatrici in campo fanno la propria parte e rapidamente il punteggio arriva a 7-15. Improvvisamente però le uboldesi smettono di correre per salvare la palla a tutti i costi e la Rosa Grigia recupera, ma non abbastanza per fortuna. Poli non smette di saltare e di attaccare e Borghi è concentrata sul gioco anche dopo le sue diagonali smorzate. La Free congela il primo set per 18-25.

Secondo set. L’allenatore Brignani sceglie una nuova formazione, ma i punti della Free salgono fin da subito un po’ a rilento: le giocatrici corrono fin troppo per recuperare una palla che troppo spesso è salvata sul filo del rasoio. Gli errori banali e la disorganizzazione in campo facilitano il sorpasso e il distacco di ben nove punti. I cambi non sono sufficienti per rimettere in piedi il set e dal bordo campo l’allenatore non smette di rimproverare le giocatrici invitandole a svegliarsi. All’inizio della seconda rotazione il punteggio segna 20-9 e la Free decide di rimboccarsi un po’ le maniche: guadagna ben 8 punti e frena la vittoria avversaria che comunque giunge sul 25-18.

Terzo set. Le prestazioni delle giocatrici non sono ancora delle migliori e il punteggio uboldese sale per lo più per merito di errori avversari. Borghi comunque non smette di tentare gli attacchi e i due liberi Locatelli e Radrizzani si alternano nelle retrovie: fino al decimo punto le due squadre si mantengono in una situazione di pareggio, poi la Rosa Grigia ricomincia la sua determinata scalata. Sul 19-12 la Free chiama il time out ma questa volta il teso Brignani lascia parlare il suo vice Artuso. Non mancano gli errori nei fondamentali, ma come nel set precedente le ospiti si riprendono solo quando alle padrone di casa manca poco per vincere. Da 19-12 la Free raggiunge al match point il ventesimo punto, poi lascia la vittoria alle varesine.

Quarto set. Fin dall’inizio del set gli sguardi sereni e rilassati della Rosa Grigia contrastano con quelli tesi e tetri della Free. La ricezione fa correre fin troppo la palleggiatrice Morandi che quindi non riesce a servire a dovere le attaccanti. I tentativi di mettere a segno le diagonali ci sono, ma la Rosa Grigia annulla ogni volontà uboldese: si sceglie quindi fin troppo la strada dei semplici e inefficaci pallonetti. I centrali contribuiscono ad aumentare il punteggio della Free facendosi aiutare anche da Poli; troppe palle vanno però out e alla prima linea avversaria vengono lasciate troppe possibilità di far punto. Il muro di Pandolfo annulla l’attacco e la vittoria avversaria che sopraggiunge comunque sul 25-21.

Quella che ha giocato a Bizzozzero non è la Free Bigiotteria che conosciamo, che anche se è sotto di qualche punto mantiene il sorriso e l’armonia fino alla fine: in campo c’erano timore di sbagliare, mancanza di complicità e nervosismo, tre ingredienti da scartare assolutamente per poter sfornare una buona partita.  Serve forse un attimo di riflessione alle ragazze, necessario per lasciare alle spalle questa brutta esperienza e per riprendere il campionato in modo migliore. C’è bisogno della consapevolezza di essere una squadra che può valere, se lo si crede; c’è bisogno di ricordarsi che prima di gareggiare bisogna divertirsi, insieme. Sorridete, divertitevi, siate squadra…e tutto verrà da sé.

Il prossimo appuntamento da segnare sul calendario è per venerdì 11 dicembre, nella palestra di Uboldo, contro ETS International di Caronno Pertusella.

#2 alzatrice Morandi Giorgia

la partita in grafico

DR